Pantelleria e i suoi fondali in proiezione a Cuneo

pubblicato in: Blog | 0

Photo courtesy

PIERO CECCHINI su FOTOPANTELLERIA

ARTICOLO DI: CUNEOCRONACA.IT

Lunedì 20 aprile si terrà alle ore 21, presso la sala riunioni della sede della Associazione Sportiva Dilettantistica Cuneo sub in corso Kennedy 5/f a Cuneo, si terrà una serata di proiezioni sui fondali marini di Pantelleria a cura di Maria Ghelia.

Si tratta della prima donna brevettata sub in Italia nel lontano 1959, con all’attivo oltre 10.000 immersioni ma, soprattutto, profonda conoscitrice e istruttrice di archeologia subacquea, di fotografia subacquea e di biologia marina, e per questo più volte intervistata dalle riviste del settore e da trasmissioni televisive come Linea Blu della RAI.

E’ stata membro di giurie in concorsi internazionali di fotografia e filmati subacquei e la sua enorme passione per l’approfondimento della biologia marina la ha portata a segnalare per prima la presenza di specie animali originarie di altri mari (Atlantico e Mar Rosso) nel nostro Mediterraneo e a collaborare con le principali Università italiane.

Tali filmati, inediti nella nostra provincia, serviranno anche da spunto per il corso di biologia marina che la ASD CuneoSub organizza per i propri soci, subacquei e non, a partire dal lunedì 27/4. Per informazioni: Germano Modena, 335-5906796. Bruno Rosso, 335-5462138 e-mail: pcnsub@gmail.com

Maria Ghelia è nata a Torino nel 1939. Prima donna iscritta ad un corso regolamentare Fips, consegue il brevetto di I° B grado n° 126 nel 1959. Esigenze familiari ed un periodo di molti anni trascorsi in Inghilterra, prima, e negli Stati Uniti, poi, la tengono lontana dal lavoro in mare. Nel 1979, al definitivo rientro in Italia, la passione ha il sopravvento e già nel 1980 incomincia a collaborare con un centro immersioni.

Nel 1981fonda il Centro Pesciolino Sub di Palinuro dove l’attività subacquea diventa, finalmente, lo scopo della sua vita. Le numerosissime immersioni di lavoro, sempre sui medesimi punti, le favoriscono l’osservazione biologica e le consentono di seguire l’evolversi della vita dei vari organismi per cui, l’antica passione della biologia, mai appagata, riaffiora prepotentemente. Nel 1990 fonda il Centro Immersioni Pantelleria dove, grazie alla presenza sull’isola del grande amico Guido Picchetti, si dedica alla videoripresa subacquea, sempre eseguita in macro.

La grande biodiversità di questo mare offre ampio campo per ricerche, osservazioni e filmati, per cui la Biologia Marina diventa lo scopo principale del suo lavoro. Nel 2001 la Sovraintendenza ai Beni Archeologici Subacquei le affida la guardia di un buon tratto di costa occidentale e meridionale dell’isola di Pantelleria.